Comunicato M'illumino di meno 2016

18 febbraio 2016

Aset Spa aderisce venerdì all’iniziativa ‘M’illumino di meno’. Capodagli: “In prima linea per diffondere la cultura del risparmio”.

“L’auspicio è che l’attenzione al risparmio energetico diventi una buona abitudine dei cittadini e non solo una straordinaria dimostrazione di buon senso, che però dura al massimo lo spazio di una giornata”. Lo ha detto la presidente di Aset Spa, Lucia Capodagli, confermando l’adesione dell’azienda alla campagna “M’illumino di meno”, ideata dalla trasmissione ‘Caterpillar’ di Radio2.

Anche per quest’anno, dunque, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Fano, dalle ore 18 alle ore 19 di domani venerdì 19 febbraio, saranno spenti tutti i lampioni di Piazza XX Settembre. Anche i dipendenti di Aset Spa hanno deciso di contribuire alla diffusione della cultura del risparmio energetico: durante la pausa pranzo, infatti, saranno spenti fotocopiatrici, computer, luci, condizionatori d’aria e ogni altro strumento di lavoro, che consuma energia anche in condizioni di ‘stand by’.

Ma tutta la giornata sarà caratterizzata da eventi, che vedranno la partecipazione delle scuole e delle associazioni di volontariato, che dalle 10 di mattina si daranno appuntamento in Piazza XX Settembre, per un lungo fil rouge di iniziative dedicate al risparmio energetico.

“Essere attenti a questo tema – ha sottolineato oggi la Capodagli – non solo è una questione di sensibilità ambientale, ma un metodo che consente una migliore gestione delle risorse che si traduce in un minor costo della bolletta”. Secondo la presidente di Aset Spa, infatti, “utilizzare gli apparecchi elettrici ed elettronici in modo più efficiente significa eliminare gli sprechi e avere bollette più leggere. Si tratta di gesti semplici, che devono a tutti i costi entrare nella nostra quotidianità”.

Aset Spa è da tempo impegnato con estremo vigore sul risparmio energetico: solo la rete di pubblica illuminazione di Fano è composta di 12.333 punti luce per 12.462 lampade e 223 quadri elettrici, distribuiti su oltre 300 chilometri di strade pubbliche: in questo modo, l’azienda assicura alla città oltre 4 mila ore anno di luce artificiale.

 “Sono numeri enormi – ha spiegato la presidente Capodagli – che ci spingono in direzione dello sviluppo, della sicurezza e della economicità della rete di pubblica illuminazione, incentrando la gestione sull’informatizzazione e  l’efficientamento della rete”. In questo scenario, è stato attuato un progetto di risparmio energetico, denominato ‘DownGrade’, distribuito su due fasi: la prima basata su un ridimensionamento degli impianti, che attraverso la sostituzione di oltre 7.200 lampade ha permesso di riportare i valori di luminosità a soglie più che sufficienti, evitando inutili sovradimensionamenti. Questa fase ha portato all’abbattimento della potenza installata da 1.675 kWatt a gli attuali  1.177 kWatt, con una riduzione di oltre 32mila tonnellate di petrolio equivalente (Tep) o di 86 mila tonnellate di anidride carbonica. Abbattere pesantemente la potenza installata è stato possibili utilizzando lampade Sap, con un riconoscimento di oltre 500 titoli di efficienza energetica (TEE)

Grazie ai risparmi ottenuti, Aset Spa ha avviato investimenti sulle tecnologie a LED oggi sul mercato, con prodotti di terza generazione con sono stati già realizzati alcuni progetti, specialmente nel campo della viabilità ciclopedonale ( pista ciclabile Fano–Fosso Sejore ) e dell’illuminazione di corso Matteotti, alla quale seguiranno progetti analoghi con valenza energetica e riqualificatoria per la passeggiata Sassonia e il relamping dell’intero centro storico di Fano.

ASET S.p.A.

 

© Aset S.p.A. - Azienda servizi sul territorio